La verità sul budello sintetico.


E’ carino e fa vendere corde, ma il termine “budello sintetico” è in gran parte il sottoprodotto di una tecnica di marketing che è andata fuori controllo e che confonde il settore incordatura.

Il termine è stato così maltrattato e abusato da renderlo inefficace. Crediamo che il termine sia dannoso per la comunità delle incordature, e abbiamo scoperto che molti dei principali produttori sono d’accordo con noi.

“Non mi piace”, disse Warren Bosworth, in passato consulente per le incordature dei migliori giocatori professionisti e produttori. “E’ usato come termine di marketing per posizionare nella mente di un giocatore di tennis che la corda che sta usando ha le qualità del budello naturale.” Ci aspettavamo dichiarazioni contraddittorie di altri esperti con i quali abbiamo parlato, ma le loro opinioni erano sorprendentemente simili a quella di Warren.

Il termine “budello sintetico” è stato coniato da Blue Star nel 1971.
Blue Star, così come per numerose altre corde in nylon, hanno tentato di simulare il budello naturale il più fedelmente possibile. Queste corde sono costituite da molti fili fibroso-sintetici intrecciati insieme, come per il budello naturale. Per quanto riguarda l’efficacia di questa simulazione nella produzione di un nylon “migliore”, il settore non ha ancora raggiunto delle conclusioni definitive.

Nel corso degli anni ci sono state molte variazioni di corda sintetica, sia per le tecniche di costruzione che nella combinazione di altri additivi sintetici. La corda sintetica di base è una singola estrusione di solido nylon. Chiamato “monofilamento”, di solito è poco costoso e non durevole. La corda in multifilamento utilizza un nucleo centrale di nylon solido o intrecciato. Il nucleo è avvolto in uno strato esterno di fibre sintetiche intrecciate. I multifilamenti possono anche essere privi di qualsiasi nucleo centrale, utilizzando filamenti intrecciati simili al processo di ritorcitura del budello naturale.

Altre modifiche del multifilamento includono il bagno d’olio sintetico (non piu’ in uso, in pratica si trattava di una corda con un nucleo centrale vuoto, riempito con olio). Impregnazioni di grafite e rivestimenti sono in gran parte integrazioni “cosmetiche” – e la conseguente efficacia o inefficacia dipende da chi ne parla. Qualsiasi corda (o anche racchetta, se è per questo) con la pretesa di essere grafite al 100 per cento giocherebbe non meglio di una matita. (La mina di una matita è grafite 100%. Corde e racchette non lo sono.)

La corda di budello è prodotta da un ambiente del tutto naturale. E’ fatto di una proteina fibrosa (chiamata collagene) trovata all’interno della parte muscolare del tratto intestinale di un manzo. L’elevato costo deriva dalla piccola parte di intestino utilizzata. Servono tre o quattro manzi per produrre un singolo set di budello. Un lungo processo di raffinazione si aggiunge alla spesa.

E qual è la costruzione dei cosiddetti “synthetic gut”? Bene, questo è il punto – il budello sintetico non ha una costruzione definitiva. Il termine è semplicemente gergo pubblicitario utilizzato per definire molte corde in nylon, indipendentemente dalla loro costruzione. Non è solo fonte di confusione per il consumatore, è fonte di confusione per l’industria stessa.

“Budello sintetico” è una fusione di termini. E’ un cattivo servizio offerto al consumatore ed alle aziende che producono e vendono budello naturale.

Chiamare “budello sintetico”’ una corda in nylon è piuttosto ridicolo. “Budello sintetico” è un termine improprio. I due termini si contraddicono a vicenda.

Questa contraddizione sembra aver avuto i suoi effetti sul settore. Il termine è profondamente radicato nella comunità tennistica. Chiedete a qualsiasi giocatore e la sua risposta sarà : “Sì, sì, lo so che cosa è il budello sintetico. Io lo uso.” Ma chiedete una definizione e otterrete in risposta uno sguardo vuoto. La risposta più definitiva che abbiamo trovato è stata: “Certo, è budello sintetico. C’è scritto sulla confezione! ”

Tale confusione giunge più nel profondo di quanto i consumatori si rendano conto. La sindrome “è-come-il-budello” creato dal “budello sintetico” ha creato numerosi imitatori, nomi come Gamma Gut, GUTEX, Imigut, Omni Gut, Gutlon – sintetici con un suono più “gut” rispetto alle corde di budello vere e proprie. Tempo fa, una pubblicazione americana molto rispettata ha scritto che Gamma Gut era stato scelto come budello ufficiale dell’Associazione Americana dei maestri di tennis (USPA). Una definizione abbastanza forte per un semplice filo di nylon…

“Budello sintetico” ha aggiunto un altro dilemma per il mercato delle corde – ha effettivamente “offuscato” la parola “nylon”. La maggior parte dei giocatori sembra dividere le corde in tre categorie distinte: budello naturale, sintetica e nylon. Il budello naturale domina la parte superiore del mercato, il nylon giace morto e inerte sul fondo. Il budello sintetico governa nel mezzo. Il termine “budello sintetico” ha screditato le corde semplicemente etichettate come “nylon”.

Ovviamente, è quel tipo di equivoco pubblico che i produttori di nylon e gli inserzionisti stanno cercando di contrastare definendo i loro prodotti “budello sintetico.” E chi può biasimarli? Inoltre, molti incordatori fanno pagare di più per il budello sintetico, semplicemente perché è commercializzato come budello sintetico. I giocatori sono disposti a pagare di più … è un circolo vizioso che ci sentiamo finirà solo se il termine verrà sepolto del tutto.

Il fattore importante qui è il materiale utilizzato per fare il prodotto. I synthetic gut sono semplicemente nylon. Non sono budello, o parte in budello – e non hanno gli attributi del budello. Molti giocatori non se ne rendono neppure conto.

Oggi il mercato ha un posto per entrambe i budelli e i sintetici – e ironicamente, la corda sintetica fa la parte del leone in questo mercato. Ma cerchiamo di non confondere gli attributi distinti di due corde. Ciascuno può stare in piedi per meriti propri.

Il termine “synthetic gut” sta in piedi solo grazie a pubblicità ed entusiasmo.

 

Lascia un commento