Allentare la tensione


Quando i giocatori dovrebbero incordare i loro telai? Tutto ha a che fare con la percentuale di perdita di tensione.

Ciò che questi giocatori potrebbero non capire è quanto siano importanti le corde, dal momento che sono la parte della racchetta che effettivamente tocca la palla.

Per servire al meglio i tuoi clienti, vorrei offrire una soluzione concreta a cui puoi affidare i tuoi giocatori in modo che sappiano quando dovrebbero incordare.

Molti anni fa, ho provato un esperimento che mi ha aiutato a mostrarmi quanto siano importanti le corde per il gioco di un giocatore.

All’epoca stavo testando le racchette per un produttore. Ho preso una racchetta economica da 50 euro e l’ho dipinta di nero opaco. Ho messo un grip decente sul telaio e l’ho incordato con il set di corde in budello più economico che ho trovato. Il mio investimento totale era inferiore a 75 euro. Poi ho chiesto a uno dei giocatori del nostro club, giocatore di ottimo livello, di provarla e di farmi sapere cosa ne pensava. È tornato e ha detto: “Questa racchetta colpisce così bene, ha un buon tocco e sensazione.” Gli ho chiesto cosa pensava che avrebbe dovuto pagarla. Ha detto che avrebbe pagato 200 euro. Per un breve momento, ho pensato di fare dei soldi facili con questo accordo!

Perdita di tensione

Ma più seriamente, al giocatore è piaciuta così tanto la racchetta che mi ha chiesto chi l’avesse prodotta. Ovviamente, non era la racchetta da 50 euro a formare la sua opinione; erano le corde in budello (ma ricorda, erano le corde in budello più economiche che potessi trovare), che facevano giocare meglio il telaio. Questo è ciò che lo ha colpito. Il telaio stesso era solo un pezzo di grafite poco costoso. Ma questo mi ha insegnato che le corde sono davvero importanti, e forse anche più importanti, della racchetta stessa.

Quando le corde sono morte?

Come possono i tuoi giocatori sapere se le loro corde sono morte? Ci sono diverse varianti: in primo luogo, le corde si muovono e devono essere continuamente raddrizzate? In tal caso, i giocatori non avranno la stessa potenza che avevano quando le corde erano più nuove, quindi dovranno oscillare più forte per ottenere gli stessi risultati. Quando il giocatore colpisce la palla, suona diversa da come era prima? Il tuo giocatore ha un nuovo dolore al braccio, alla spalla o al gomito?

Man mano che le corde perdono la loro efficacia, i giocatori perderanno il tocco o la sensibilità sui colpi, specialmente sui drop shot e le volée.

Spesso i giocatori vogliono usare ciò che usano i professionisti.

Ma i professionisti colpiscono la palla più forte e con più effetti di noi mortali, e questo richiede caratteristiche diverse nella loro corda rispetto a quelle di cui ha bisogno il giocatore medio.

Inoltre, il giocatore medio non effettuerà le incordature ogni giorno come i professionisti. Le domande principali sono: cosa dovrebbe fare il giocatore medio per massimizzare il proprio gioco con la tensione delle corde; e quanto spesso dovrebbero incordare la racchetta? La vecchia raccomandazione era di incordare ogni anno tante volte quante le volte che si giochi in una settimana. Quindi, giocare quattro volte a settimana significherebbe incordare ogni tre mesi.

Il problema con questo è che non si tiene conto di quante ore di gioco ogni volta, il livello di abilità, la composizione delle corde, la tensione o lo stile di gioco dell’individuo.

Alcuni giocatori pensano addirittura che l’unica volta che hanno bisogno di incordare sia quando una corda si rompe. Nella maggior parte di questi casi, tuttavia, quando una corda è pronta a rompersi, ha già perso la maggior parte della sua elasticità e tensione.

Poiché la perdita di tensione delle corde è così minima, la maggior parte dei giocatori non sente la differenza fino a quando non gioca con la vecchia racchetta seguita da una nuova incordata.

Quando la perdita di tensione influisce sul gioco

Un calo di tensione del 20% è sufficiente per influenzare il gioco. Certo, ai livelli di abilità più bassi, un giocatore probabilmente non sarà in grado di distinguere, ma poi, un calo di tale entità potrebbe significare che non stanno giocando come potrebbero.

Il giocatore che ha giocato con una racchetta appena incordata mi ha detto che sentiva che c’era qualcosa di diverso rispetto alla sua vecchia corda, ma non poteva identificare cosa fosse esattamente.

Ho anche avuto alcuni giocatori di livello più alto che hanno affermato di sentire come se avessero più sensibilità e più potenza con una racchetta appena incordata rispetto alla vecchia corda. La maggior parte di questi giocatori ha utilizzato le vecchie corde per circa sei mesi e ha giocato in media da tre a quattro ore a settimana.

Un giocatore la cui racchetta aveva perso il 26% della sua tensione ha detto che sentiva che la palla non rimbalzava sulla corda tanto quanto al solito e che sentiva che la sua racchetta stava toccando la palla per un tempo più lungo di prima.

Semplicemente dalla mia prova aneddotica, immagino che i giocatori di almeno terza categoria iniziano a riconoscere alcune differenze tra le corde nuove e quelle vecchie.

Misurare la perdita di tensione

Perdita di tensione

Il modo migliore per capire quando la tensione nella racchetta di un giocatore arriva a un calo del 20% è misurarla. Ci sono diversi modi per farlo.

Puoi acquistare un piccolo tester portatile come il Tourna Stringmeter, Gamma Racquet String Tester o MSV Mini SST. Tutti questi funzionano abbastanza bene e hanno un prezzo ragionevole. Un tester del piatto corde come l’Alpha Stringway ti darà una tensione complessiva del piatto corde.

Un punto importante sui test di tensione delle corde: non registrano una cifra che è direttamente confrontabile con la tensione della macchina incordatrice. Le corde si allungano durante le incordature, quindi le letture non saranno necessariamente le stesse. Il modo migliore per controllare le corde è testare la tensione subito dopo averle incordate.

Questa è la tua tensione di base. Per questa e tutte le altre letture, utilizzare la stessa corda principale e la stessa posizione per coerenza e precisione. Non preoccuparti di controllare le corde orizzontali, poiché sono già più sciolte a causa del processo di incordatura. Ogni tanto, controlla la tensione e registra la percentuale di perdita. Questo è un punto chiave. Usa il tester di corde come un “indicatore di confronto”, ovvero qualcosa che ti consente di confrontare lo stato del piatto corde quando lo misuri per la prima volta con la cifra che ottieni nei controlli successivi.

Quando registri una perdita di tensione del 20%, è il momento di incordare: se usi queste idee quando si tratta di prenderti cura delle racchette dei tuoi giocatori, continuerai a farli giocare il loro miglior tennis e a farli tornare da te.

Autore

Stefano Prete
Esperienza di oltre 30 anni nel settore, tre negozi di tennis alle spalle, Stefano Prete è stato collaboratore tecnico della rivista “Il Tennis Italiano”, sulla quale ha scritto per molti anni.

È stato il primo MRT italiano ed è manager e tester ufficiale per la USRSA in Italia.